Venetia nigra

di Alessandro Vizzino

Maggiori dettagli

15,30 € 18,00 €  -15%

Prezzo ridotto!

Aggiungi al carrello

Venetia nigra 18,00 € 15,30 € 15 9788893690003

anteprima libro

Disponibile in versione eBook su LaFeltrinelli, Amazon, Kobo
e su tutti gli altri portali della rete distributiva online di Edizioni DrawUp


VENETI
Ă NIGRĂ | Romanzo


UN'EPOPEA MOZZAFIATO TRA CALLI E RIVI DELLA SERENISSIMA REPUBBLICA



Venezia, 1725.

Un uomo in Baùta si aggira di notte, armato, tra le calli della città.

Il Nobilhomo Nicolò Testier Gritti è un giovane brillante, ambito dalle donne e dedito al vizio. Durante una sua visita al Ridotto s’invaghisce di Elisabetta Pitacchi, che ottiene in
pegno dopo una serie di sfide allo Sbaraglino. L’amore fra Nicolò ed Elisabetta si consolida.
A Venezia la ragazza conoscerà anche Zanetta Farussi, moglie di Gaetano Casanova e neomamma del piccolo Giacomo.

Alcune settimane dopo, Nicolò incontra Samuele Grozzi, Inquisitore di Stato e personaggio tra i più influenti della città, che il patrizio aveva già incrociato a un rinfresco presso Palazzo Sandi. Il magistrato domanda a Nicolò di recarsi per lui a Cremona, per ritirare un violino destinato ad Antonio Vivaldi. Il giorno successivo, il mercante d’arte Alfonso Bottin si presenta alla residenza di Nicolò per proporre all’aristocratico un dipinto del suo amico Antonio Canal, che Testier decide d’acquistare pagando il mercante con una moneta scalfita.

Nella vita agiata di Nicolò Testier Gritti, però, qualcosa comincia a incrinarsi: sparizioni improvvise, segreti inestricabili, nuove presenze e accuse dalle quali non può scagionarsi inizieranno a spostare la rotta della sua esistenza. Persino Giorgio Aliprandi, Capitan Grande e suo compagno fraterno, non sa più quale strada seguire.

Un pericolo ancora più grande, intanto, incombe sull’intera Serenissima...


Edizione Speciale


Isbn:  978-88-9369-000-3
Anno di pubblicazione: 2016
Pagine: 368
Dimensioni: 21 × 13,5 × 2.5 cm
Cover plastificata in soft touch

Voto 
Rumples59
19/04/2017

Bel libro

Una trama ben congegnata e la descrizione accurata ma non pedante sia dei personaggi che dell'ambiente fanno di questo romanzo una piacevole lettura.

    Voto 
    Neroevans
    18/04/2017

    Cosa vuol dire saper scrivere

    Bellissimo e sfuggente come la città citata. Straordinaria, e ripeto straordinaria, la rivisitazione di Venezia, che ho trovato unica nel suo genere. I dialoghi sono creati ad arte, e non può esistere un libro senza dialogo; il dialogo è la vita reale, la narrazione è un'esposizione stilistica, della quale Vizzino abbonda. Storia e trama vanno di pari passo, fino al finale che... aspetto il seguito!

      Voto 
      Mauro
      18/04/2017

      Venetia nigra

      Un romanzo storico dev'essere vero o verosimile. Questo racconto è molto verosimile e davvero molto ben scritto. Si legge d'un soffio. Spero di trovare altri libri dello stesso autore.

        Voto 
        CK
        18/04/2017

        Molto bello

        Bella storia, ben architettati i vari intrecci. Molto bello.

          Voto 
          Ivano Vezzulli
          02/04/2017

          Oltre

          Oltre, credo che sia l'avverbio descriva al meglio questo libro. Nel leggerlo si è trasportati immediatamente dentro le pagine,e bisogna renderne merito all'autore. Vizzino si immedesima in una Venezia stratosferica del 1700, compiendo un viaggio a ritroso nel tempo che lascia senza fiato. Oltre a questo c'è una storia sublime che attanaglia dall'inizio alla fine. Oltre a questo, un finale che finale non è, che lascia aperta una porta (spero) per un futuro seguito. Appunto oltre! Complimenti Alessandro, davvero!.

            Voto 
            Luciana Pascali
            06/03/2017

            Venetia nigra

            Bellissimo e avvincente: grande trama, personaggi reali, un turbinio di avventure nello scenario di una Venezia bellissima, reale, eterna, amata moltissimo dall'autore e da me.Grazie del piacere che mi ha suscitato nel leggere.

              Voto 
              Enrico Falconcini
              06/03/2017

              Venezia settecentesca, mito e realtà, sangue e sogno.

              Le prime pagine incuriosiscono, attraggono il lettore quel che basta; la descrizione dei luoghi è precisa, puntuale, si potrebbe dire quasi calligrafica, mentre essenziali sono i dialoghi e rapido il succedersi dei fatti. Con il proseguire della lettura alla semplice curiosità subentra l’apprezzamento per un lavoro così preciso e così ben fatto; fino a che, pagina dopo pagina, a prendere il sopravvento è, finalmente, il fascino. Quello rarefatto di atmosfere incantate e quello accecante delle luci soffuse e trasparenti di un dipinto del Canaletto. Quello arcano del suono, che certo non si sente, ma che, pure, scaturisce, inaspettato, da ogni pagina; un suono fatto di musica barocca e rumori d’ambiente; una miscela curiosa, quasi stridente, eppure ancora armonica, di suoni vividi e popolari. I rumori di una contraddittoria Venezia settecentesca, città che è mito e realtà, sangue e sogno, luogo magico e materiale, simulacro inafferrabile e oggetto assolutamente concreto. Uno sfondo che pare un dipinto; tuttavia un dipinto che, a sua volta, pare una fotografia; immagine reale e teatrale allo stesso tempo. Come dire attori impostati e pescivendoli cenciosi, damine incipriate e popolane vocianti. Uno stridente insieme di canali di acqua stagnante e mare aperto, ricchi saloni e luoghi polverosi, imbarcazioni silenziose e palcoscenici cigolanti. Lo scritto si muove, agile e svelto, in questo impossibile ossimoro, in questo scenario affascinante e contraddittorio, scivolando tra eventi incalzanti, montati in modo brusco, quasi cinematografico, costringendo il lettore ad andare avanti, a proseguire l’inattesa avventura in un succedersi d’azioni che lo incateneranno al mistero delle tante storie, anzi, di tutte le storie. Quella vera e quelle false; quella con la esse maiuscola dei libri di scuola, insieme a quelle, vili o eroiche, umili o arroganti, di personaggi inventati. Attori veri e finti, buoni e cattivi, amabili oppure assolutamente odiosi; tuttavia, sempre convincenti, sempre ben costruiti. C’è ormai poco da aggiungere: il vero e l’immaginario sono i fili di questo incredibile arazzo; una trama astuta e un abile ordito che formano, per il divertimento del lettore, disegni complessi e policromi. Palazzi, calli, canali, personaggi storici e non. Colori pastello, acque verdi, trine veneziane e sangue vermiglio. L’intreccio è sinuoso e seduttivo, la chiusura inaspettata e sorprendente. Gran bel libro. Lettura consigliatissima e complimenti all’autore.

                Voto 
                Pietro Z.
                09/12/2016

                Venetia nigra

                Un eccezionale romanzo, mirabilmente pervaso dal fascino di una città sontuosa: la splendida Venezia del '700. L'autore ha sapientemente costruito un avvincente libro caratterizzato da un susseguirsi di colpi di scena, intrecciando la storia con la fantasia, fino al finale liberatorio in cui accade tutto in modo un po' diverso da come si poteva prevedere.

                  Voto 
                  Alessandro Soncin
                  02/11/2016

                  Intensità e suspence.

                  Trama ed ambientazione, ben riusciti, trasportano il lettore in una Venezia del '700 riccamente descritta in tutti i suoi particolari. Non vi son pause, gli eventi si susseguono in un continuo crescendo di intensità e suspence. Lettura davvero piacevole. A quando il prossimo libro?

                    Voto 
                    Silvia G.
                    08/10/2016

                    Tanti motivi per cui leggerlo.

                    "Venetia nigra" è un thriller storico avvincente, con una scrittura scorrevole e sempre piacevole. È da leggere perché descrive bene una delle città più belle del mondo, Venezia, in uno dei periodi più affascinanti, il 700. Ci regala un protagonista assoluto e sempre ben descritto, che insieme agli altri protagonisti del romanzo ci accompagna in un susseguirsi di colpi di scena fino al termine della lettura. Mescola sapientemente tutti gli ingredienti che un thriller dovrebbe avere: omicidi, misteri, inseguimenti, rivalità, una storia d'amore. E per finire, ma sempre fondamentale per la buon riuscita di un romanzo, il finale, appunto, perfetto. Per cui lo consiglio vivamente a tutti, non vi deluderà.

                      Voto 
                      Anna Cibotti
                      07/10/2016

                      Ho letto VENETIA NIGRA, di Alessandro Vizzino.

                      Dopo SIN, LA CULLA DI GIUDA, TRINACRIME, ho appena finito l'ultimo romanzo di Alessandro Vizzino: VENETIA NIGRA. Quattro romanzi diversi nella trama, ma nello stile, una scrittura puntuale, accorta e scorrevole. In riferimento, appunto, all'ultima sua opera, la capacità dell'autore di coinvolgere chi legge non è smentita, ma rafforzata dalla meticolosa ricerca storica dei luoghi in cui racconta i fatti e i personaggi che ne compongono la storia. In una Venezia del '700, delitti e misteri si susseguono incalzanti, alternati da vari colpi di scena che creano, nella sempre magica atmosfera della città lagunare, una suspence continua. L'autore descrive le scene con crudezza e... poesia, attraverso i ponti, i vicoli, i costumi, l'arte, la povertà di quell'epoca barocca, come se le avesse vissute. In un'ottima descrizione temporale che nella fantasia del racconto non lascia niente all'improvvisazione, ci si immagina protagonisti, o perlomeno testimoni, in un tempo passato che affascina e stupisce. Quanta passione e lavoro c'è dietro questo scritto. A chi piace leggere "bene", ne consiglio senz'altro la lettura.

                        Voto 
                        Nicola Valentini
                        26/09/2016

                        Giallo storico da leggere tutto d'un fiato!

                        Venetia nigra è stata una piacevolissima lettura.
                        Storia scorrevole unita a una scrittura semplice e comprensibile, un'ambientazione affascinante, in una Venezia bella, buia e misteriosa, in cui Vizzino è riuscito a far convivere tutti gli stereotipi della città veneta: gli abiti, le maschere, le calli, la laguna, le differenze sociali; tutti gli ingredienti del thriller: un serial killer, il mistero, gli inseguimenti e i colpi di scena.
                        Ma la sorpresa maggiore e del cui risultato ero un po' scettico, è stata quella di far convergere e convivere nel suo romanzo, alcuni dei principali protagonisti veneziani dell'epoca: il Canaletto, Stradivari, un Casanova infante e, più marginalmente, Vivaldi.
                        Un finale ben studiato, poi, che è la classica ciliegina sulla torta.
                        Per cui a Vizzino e al suo romanzo assegno il premio più ambito, quello di consigliarlo vivamente a tutti.

                          Voto 
                          Simone P.
                          24/08/2016

                          Un tuffo nel 1700

                          Da appassionato del genere, ho trovato questo romanzo splendido in tutto. La narrazione trasporta il lettore in una Venezia del 1700, con tutti i suoi misteri. Perfetta la scelta del lessico che fa rivivere quel secolo in tutto il suo splendore. La trama è un susseguirsi di colpi di scena dividendosi tra l'intrigo internazionale e le vicende personali di un protagonista costruito perfettamente all'interno del romanzo.
                          Ancora una volta, Vizzino mi ha stupito tirando fuori una storia completamente diversa dai romanzi che ha scritto in precedenza. Una perla unica come i suoi precedenti.
                          La lettura è super consigliata!!!

                            Scrivi la tua recensione

                            Venetia nigra

                            Venetia nigra

                            di Alessandro Vizzino

                            Scrivi la tua recensione